Cheerfulness Belongs with Youngsters

Cheerfulness Belongs with Youngsters

(Cheery-Beery-Bean) Well, cheerfulness 1 belongs with youngsters Yeah, cheerfulness 2 belongs with youngsters I say, cheer foolness belongs with youngsters. It don’t belong with the old married ones at all. Attending church has made them... Continua »
Come finsi la guerra

Come finsi la guerra

Fuffole al tattoofono PREMESSA – Con chi abbiamo a che fare: Laika Rollinstone è un’adolescente come tante (Generazione Why, quella assetata di tecnoconoscenza e non fatta per viver come brutta, perciò si tatua). Ha un... Continua »
L’uomo che pensava a te

L’uomo che pensava a te

Alternativa individuale Un uomo, tale Creto Piccolo, aveva, a un certo punto della sua vita, preso una curiosa abitudine, che riassumeremo di seguito. Verso le 8 antimeridiane il Piccolo andava al lavoro (faceva l’usciere part-time,... Continua »
Dasein

Dasein

Uno stato mentale Colui che pareva l’elemento più carismatico (e perciò il capo) della piccola ma mordace teppa, quando gli ebbi posto la mia domanda: “Potreste dirmi dove posso trovare un giardino per lavorare?” così... Continua »
Cinepanettone ’sto Stollen

Cinepanettone ’sto Stollen

Una storia di semplicità cretina Qui spieghiamo che cosa ci siamo messi in testa di fare con l’approssimarsi del Natale (dunque, non fateci ripeterci).   C’era una volta un uomo che aveva vissuto una vita... Continua »
La notte dei barbieri folli

La notte dei barbieri folli

Un film per Natale Semplicità cretina Con l’approssimarsi del Natale, prosegue l’iniziativa parapagal (o parapagàl) all’insegna del trionfo della presunta estetica di rapparagal, la Semplicità Cretina a fronte dell’ampiamente consolidata Vanità Complessa. Dal momento in... Continua »
Pici en Regalia

Pici en Regalia

Le ricette di rapparagal   Piatto ghiotto, mi ci botto – Quali sono i piatti preferiti di rapparagal? – ci hanno scritto in molti. – Perché non aprite una rubrica di ricette? – ci hanno... Continua »
Strisce invisibili

Strisce invisibili

(Quell’idiota di Dostoevskij 1) Unfrido si fermò, si guardò attorno. Poi disse: “Ho… ho un problema, Giorgio”. “Dimmi”, fece Giorgio, gettandosi un’occhiata dietro le spalle. “Be’… domani… domani mia figlia si laurea e io…” “Sì?”... Continua »