Say No to Yourself Dead

Una petizione non petita, ma una soluzione appetita

“Tu non sei morto, hai solo un odore strano”.

Say No to Yourself Dead Una petizione

Malgrado l’esortazione del duca (non quello bianco), Caronte – gli occhi come non mai di bragia – appare crucciato (in imminenza di collera) per gli straordinari (nei due sensi) viaggi cui è costretto in seguito al successo della nostra petizione. È immaginazione, ma anche augurio.

Dato il successo che sta riscuotendo la petizione lanciata dal lodevole sito ch-ch-ch-ch-ch-change.org (specializzato in petizioni non petite) con l’iniziativa volta a indurre Iddio (quello del tuittero, parrebbe, in particolare) a restituire al modo il Duca Bianco (mentre scriviamo mancano meno di 4.000 firme per arrivare alle 15.000 necessarie a far cambiare idea all’Almighty) sulla base di argomentazioni e ragionamenti che non fanno un grinza (tanto che Iddio pare messo alle corde, benché non celi un certo fastidio per la perentoria richiesta, che ha quasi il suono di un ricatto), noi del gran-ducato, che ovviamente pensiamo più in piccolo avendo come modello rapparagal, abbiamo creduto di uscircene con una (se questo non è il colmo!) di quelle grosse, ma, chissà, non necessariamente infattibili (se la petizione per Ziggy ammonta a quello che ammonta).
Tutto dovrebbe partire da due presupposti:
1) Pensiamo innanzitutto alla nostra salute;
2) Facciamo prevenzione.
Il punto uno sarà anche egoistico, ma siccome (e di’ la verità) l’idea di schiattare ti fa caghicchiare sotto alquanto, anziché pensare alla morte degli altri, preòccupati della mortaccia tua.
Il punto due non riguarda tanto la prevenzione in termini di medicina postmoderna classica (nota anche come veronesiana), quanto l’opportunità di una pre-auto-gestione del pasticciaccio brutto consistente nella propria dipartita nei termini – per essere onestamente precisi – di una pre-petizione.
L’iniziativa è modestamente e democraticamente rivolta all’Uomo sensuale medio (sì, anche Donna e quello che volete, non cavillate insensatamente sui generi: Mensch: ci capiamo?), quello che nel mondo conta, per così dire, poco e/o niente.
Stando ai nostri calcoli, se uno come Polvere di Stelle – alla luce di quelle cose mondane che purtroppo per lui ora contano poco, ma aspettiamo! aspettiamo la chiusura delle urne (o delle tombe), ché poi ce la riracconteremo – che commuoveva la Fama e muoveva (muove) indotti da spaventare il demonio non meno che il Nasdaq, necessita di 15.000 firme per il percorso acheronteo inverso, noi infami e inquotati in borsa o sporta che sia, dovremmo cavarcela (mediamente, resta inteso) con non più di 3 firme per l’obolo richiesto da Caronte.
Da poveretti quali siamo (e sono coloro i quali convenissero sulla ragionevolezza della nostra proposta), dovremmo naturalmente cominciare a raccogliere le 3 firme (che, come quelle di ch-ch-ch-ch-ch-change.org non hanno bisogno di alcuna forma di autenticazione) finché siamo su questa sponda del rivo. In questo modo, quando, insieme allo psicopompo, verrà il momento, arriveremo “già mangiati” – per usare questa forte e sanguigna espressione, tutta italica.
Ci pare di aver detto tutto.
Anzi no, ancora due cose: meglio evitare la cremazione, secondo il non peregrino pensiero in merito del Céline: non si sa mai: mostriamo un po’ di Giudizio almeno nel giorno dedicato allo stesso, a evitare che l’Ogni Potente debba mettersi a trafficare con il DNA delle ceneri.
Comunque sia, fate voi, ma poi non dite che ecc.

Infine: l’importante è che la morte ci colga morti, altrimenti la petizione va a farsi benedire (e magari nemmeno quello, data la presumibile solidarietà delle gerarchie ecclesiastiche con il fastidio del loro Líder Superno).

You are not dead, you just smell funny.

2 commenti su “Say No to Yourself Dead

  1. a chi dice di no, diciamo basta, ben consapevoli del fatto che, tanto, diranno di no.
    solo un referendum potra’ dirimere la controversia.
    forse.