Il mio canto libero

Visure interiori

il mio canto libero

Visura mobiliare (esteriore) della stanza di rapparagal. Spiccano, in questa stanza, l’assenza del cielo e il canto libero (a sin. nella telefoto).

rapparagal necessitando nella propria stanza di un canto libero  dove andare a sbattere la testa nei momenti in cui non sa dove sbattere la testa, si è rivolto per un consiglio (o consulenza, vista la parcella) a Romana Belliache, giornalista, scrittrice, adalgisa e ultimamente interior designer (disegnatrice di interiora 1) fra le più ambìte nell’àmbito del gran-ducato (parapagal) 2.
Per un compenso simbolico, metaforico e allegorico di kelli (kl) 37,450 (dove la virgola sta per punto 3), ella ha consigliato a rapparagal di togliere di mezzo tavolino e asciugamano, lasciando intatto il chiodo per, un giorno, appendervi le scarpe.
“Anche le sedie rimangono al loro posto”, ha suggerito Romana dopo ripensamento, “ché potrebbero tornare non poco utili – sempre un giorno – a badante ed eventuale guardiano”.
In un terzo momento ella ha avuto un terzo ripensamento, quello di lasciare anche la finestra, che aveva precedentemente architettato di rimuovere per consentire al cielo di entrare nella stanza.
“Un plagio è sufficiente”, è stato il commento alla decisione finale.
Non è chiaro se si riferisse al van Gogh o al canto libero.


1 In qualità di giornalista e adalgisa, Romana Belliache (sotto lo pseudonimo di Madamigella Sosostris) tiene una rubrica, La posta delle interiora, sulla rivista per sole donne “Una Tantrum”, tramite la quale risponde alle problematiche e alle disgrazie delle lettrici dopo aver analizzato le loro interiora, che possono essere inviate integre per corriere o per posta elettronica in formato jpg, png, tiff, gif ecc., purché con antialias e non trasparenti.

2 Ha disegnato la stia per Grandpa Rapagal.

3 Il kello, in quanto unità di valuta, non ha equivalenti in euro o dollari (o altra valuta nota, se è per quello), poiché battuto nella zecca gran-ducale in/al nero. Questo per evitare che il gran-ducato diventi un inferno fiscale.

Lascia un commento

*