The Twilight Ozone

Che fine ha fatto l’ozono (e soprattutto il relativo buco?)1

The Twilight Ozone Che fine ha fatto il buco nell’ozono?
La mosca Mockba, prima di decedere e rimanere senza prole2, è riuscita a inviarci uno ZzMzZ (senza buchi nello stesso) con la domanda che riproponiamo, nonché questo dalla piccola ingenuamente denominato selfie.

Se non usiamo gli spray non avremo il buco nell’ozOno; ma rimarranno pur sempre

due buchi ai lati dell’OznO.

Allora sì che dovremo darci da fare ed eliminare i due buchi rimanenti spruzzando in cielo gas di sbieco, un po’ verso destra, un po’ verso sinistra.

Per conseguire questo risultato saranno necessari alcuni sacrifici: dovremo tenerci mezze ascelle puzze, scolpire i nostri capelli solo di striscio, accoppare gli insetti che seguono esclusivamente determinate traiettorie, oppure − per tagliare la testa al toro
− batterci per una società in cui i beccucci degli spray vengano realizzati sghembi.

Ci vorranno anni e anni e anni, forse secoli; ma volendo, tutti insieme, ce la si può fare. I nostri pronipoti, irrigiditi come dei bastoncini di caramello, vivranno per vedere scomparsi i due residui buchi dell’OznO:

ZN.

Solo allora si potranno riadoperare lacche libere e belliche che spruzzano dritte dritte all’insù, nella speranza che prima o poi si formi il buco nello zinco (che, anche in quel caso, sarà detto impropriamente buco dello zinco). Ma chissà quanti anni ancora dovranno attendere i loro pronipoti prima di vedere lo zOinco o lo ziOnco o, al limite, lo zinOco.


1 Si sa che le mode vanno e vengono (e non solo nel porto e nel Corso di Buenos Aires). Ci pareva d’obbligo riproporre la domanda. Ma non siamo soli nell’universo.

2 Lana caprina vorrebbe più appropriato affermare che fu la prole a rimanere senza mamma Mockba. Ma noi, facendoci la lana (che non coglie il sottile gioco del finto refuso) un baffo, insistiamo per questa lacrimevolissima versione (forse spunto per una futura trilogia d’appendice da strapparti ’l cor).

INFINE: questa e altre riflessioni non da poco nel Sussidiario minimo.

Precedente L’uomo incastrato nel 2014 Successivo A cuccia!

One thought on “The Twilight Ozone

Lascia un commento

*