Il funzionamento del Tempo

(di questo tempo)

Un’avventura del signor Ramarra

(Quando la Madonnina apparì a Paris durante la presentazione di un suo bestseller 1, Questo tempo [This Time] c/o la locale succursale di Shakespeare and Company. Per l’occasione, egli aveva assunto il colorito pseudonimo di Jesse Wallace 2).

Riportiamo di seguito la traduzione in italiano del momento-chiodo dell’evento:

Monsieur Barbetta (o Barbetà) (titolare della S&Co.): Abbiamo tempo appena per un’ultima domanda.
Giornalista buono francese (senza barbetta): Signor Ramarra, quale è suo prochaino libro?
Signor Ramarra (Jesse Wallace): Um…Non lo so. Non lo so proprio, guardi. Insomma… Come dire… Avevo… Wah… Avevo in mente un… Be’, c’ho da sempre in testa di scrivere, come dire, un libro… che si svolgerebbe nell’arco di tempo di una canzone pop. Capisce?… Lungo tipo tre-quattro minuti, tutto compreso, tutto compresso.
La storia… l’idea sarebbe che c’è questo tipo… eh…È totalmente depresso!!! Voglio dire… il suo più grande sogno era quello di… uh… fare l’amante, l’avventuriero… come dire… farsi il Sud America in moto…
E invece è seduto a un tavolo di marmo, che mangia aragoste…Ha un bel lavoro e una moglie bellissima, giusto? Come dire… ha tutto quello che vuole.
Ma non-n-non gli importa, perché quello che vuole è lottare per dare un senso alla vita… Capisce?…
La felicità sta nel fare, no? [Il giornalista Barbetta – che non è parente di quell’altro Barbetta – fa di sì con la testolina]… non nell’avere tutto ciò che l’on vuole.
Pertanto… Lui è seduto lì, e proprio in quel secondo… la sua figlioletta di 5 anni salta sul tavolo.
E lui sa ch-che dovrebbe scendere perché potrebbe farsi male (se cade dal tavolo, ndr).
Ma lei sta ballando alle note di questa canzone, come dire… con indosso un vestitino estivo, leggero.
Lui allora guarda giù… [Ma “giù” dove, ddr? Forse si tratta di un plot hole, ndr] e d’un tratto lui ha 16 anni. (Porca puttana, ndr).
E… la sua fidanzatina del liceo lo accompagna a-a-a casa in macchina.
E hanno appena perduto la loro verginità… e lei lo ama… e alla radio (della macchina) stanno trasmettendo quella stessa canzone.

Il signor Ramarra e Frenchie la Madonnina
Il signor Ramarra e Frenchie la Madonnina parlano della reincarnazione ai tempi della perdita della (loro) verginità. La Madonnina è scettica. Ma concede: “Forse la reincarnazione è un’espressione poetica (sic) della memoria collettiva”.
(Ricalco bitmap di M. Barbettà).

E-e- lei si arrampica e inizia a ballare sul tetto della macchina. E-e adesso lui è preoccupato per lei.
E lei è bellissima, con l’espressione facciale uguale come a quella di sua figlia.
Infatti, forse è proprio per questo che le piace.
E sì-sì…Lui sa che non si sta ricordando quel ballo… è lì, è lì. È presente in-in entrambi i momenti, simultaneamente.
E per un istante tutta la sua vita si riavvolge su se stessa. E a lui gli è ovvio!!! Capisce che il tempo è una menzogna… ehhhhhhhhhhhh… [Il signor Ramarra vede apparire, come la Madonna, la sua fidanzatina del liceo, che ora è diventata grandina – questo spiega che il tempo è una balla – che gli sorride, ndr].
Uh… C-c-che tutto succede tutto il tempo… e che dentro ogni momento c’è un altro momento… che accade simultaneamente. Ehhhhhhhhhhhh…
Questa, come dire… sarebbe in qualche modo l’idea…


Questo tempo, di Jesse Rammarra Wallace
Ed ecchilo lì, Questo tempo, lo smashing bestseller che fa cacare sotto le balene. Che burrasca, mes amis, che tempesta shakesperiana nella vetrina della Shakespeare & Co. de Paris.

Ma allarghiamoci pure:

Il funzionamento del Tempo
Gran fila orizzontale al 37 di Rue de la Bûcherie. Ansiosissimi parigini attendono, before sunset, l’inizio dell’evento.

1 Più tardi, il signor Ramarra e la Madonnina (soprannominata carinamente e originalmente “Frenchie”) faranno due passi (circa 3 chilometri) per recarsi al celebre La Purée Café, un tipico localino parigino dove si beve caffè alla purea

La Purée Café a Paris
La Purée Café, un bistrottino che merita una visituzza, se vi trovate a Parigi e vi avanza tempo. Questo o quello che sia.

(il signor Ramarra, pur essendo scaltrito in mille e più saperi, non sa una parola di francese. Fortuna che, al momento dell’ordine, per lui, rivolta all’ansiosa cameriera, traduce la Madonnina: “Un café” [“A cup of cawfee”]). Durante il tragitto, essi parlano del più e del meno, per esempio dei quanti e dei tanti, discutono della Qabbalah (pur con qualche divergenza) e soprattutto del Tempo – nello specifico quello del quale il signor Ramarra tratta nel suo bestseller – e ovviamente dell’amore. Riportiamo un significativo petit morceau del loro colloquio stradale:
M.(F.): Il tuo libro è un bestseller negli USA.
S.R.: È un bestsellerino…
M.: E dài, non fare il mona…
S.R.: Va bene, va bene. Ufficialmente lòe… Ma quasi nessuno ha letto Moby Dick… Perché la gente dovrebbe leggere il mio libro?…
M.: Io non l’ho mica letto, a Moby Dicks, e il tuo libro mi è piaciuto…
Etc.
2 Inizialmente, aveva pensato a “Jesse James”, ma così si rischiava (secondo il suo agente) di innescare una disputa fra consolidati miti americani, l’altro essendo appunto Moby Dick.


CORRELATO: Un’altra avventura del signor Ramarra, sempre con una madonnina, ma dismessa da John Keats.

Precedente Il pasto scalzo Successivo Se il diavolo veste Prada...

Lascia un commento

*