Quattro cose per strada (a gratis)

Tetralogo dello scaricatore di diporto
(Gratis è quando non devi pagare niente)

Quattro cose per strada - Gratis è quando non devi pagare niente
Sic transit Sedan mundi.

 

La prima è una borraccia di guerra, della guerra quindici-diciotto, piena di buchi, con annidate robine verminose, pus, liquidi giallognoli, ricca di sbrindellature, squarci, sbreghi ruggini, con un cartellino “gratis”. Tu la raccogli, la cacci in saccoccia, nel farlo ti procuri una varietà di tagli e ferite gravi. Se non andiamo errati ti verrà il tetano (e diverse altre malattie). In capo a una settimana crepi tra sofferenze che nessuno ti ha tuttavia augurato. La tua famiglia ti fa un funerale da 18.000 euro, con bara e accessori acquistati da un’impresa di pompe funebri da decenni sotto l’occhio vigile e sospettoso del maresciallo Topponi della Tributaria. Che non ha prove.

La seconda è una tagliola per vampiri, con due cartelli: il primo dice “a gratis”; il secondo “infilami una gamba o, preferibilmente, la testa”. Tu, fatta la tua scelta (opzione 2), esegui. I cocci non sono manco tuoi.

La terza è una manifestazione del 1° maggio (chissà di quale anno, ma mettiamo 2014, massimo 2015). Anche qui i cartelli abbondano. Ma nessuno reca la dicitura “(a) gratis”. La cosa ti puzza. Ti avvicini a uno che ha tutta l’aria di essere un syndicalista. Ti puzza pure questo, ma solo finché non gli scorgi appeso al collo uno di quei cartellini che loro di solito portano appesi al collo, typo Bertinotti. Bene, pensi, è già qualcosa. Gli chiedi, a sto typo: “È gratis sta manifestazione?” Lui, con la bocca piena di porchetta, si fa in qualche modo capire: per forza, dice. Il 3 maggio, membro della fiumana, arrivi al Mar Rosso. Che però non si apre. Un syndicalista di Hamelin, a un certo punto, fa: “Voglio proprio vedere”. Entro un minuto, infatti, dalla superficie del mare emerge un cartello excalibur. Dice “gratis”. In 10.000, te compreso, vi buttate a mare, facendo la fine dei topi.

La quarta è un ebook kindleRewindle kdp-ombo ammazzate oh, che reca un’etichetta “€ 0,89”. Lo compreresti volentieri, ma sei già morto tre volte. Perciò non ti meriti l’appellativo di pidocchio pitocco che ti sputa addosso un passante scavalcandoti.

Quattro cose per strada e: la spada è già cappa, la cappa è già piombo. Ma…
Se ci fosse la luger… ah…

Free is when you don’t have to pay for nothing or do nothing
We wanna be free [free as the wind]

Precedente Giallo in maschera ebook kindle Successivo The Front Page / Prima pagina - L’ennesimo remake (ma Billy Wilder non c'entra)

Lascia un commento

*